volante thrustmaster t150

Thrustmaster T150 recensione

Analizziamo ora il modello di volante Thrustmaster T150, disponibile per le due console di casa Sony e per il computer, cercando di capire se questo modello riesce a offrire un’esperienza ludica interessante oppure se è altamente consigliato puntare su diversi modelli di volante con pedaliera.

Partiamo dalla parte principale che compone il Thrustmaster T150, ovvero il volante, il quale possiede un diametro di circa ventotto centimetri, leggermente più piccolo rispeto ad altri modelli, realizzato con materiale plastico abbastanza duro e resistente.

Il rivestimento è di ottima qualità e riesce ad evitare che, durante l’utilizzo, le mani possano scaldarsi e quindi essere caratterizzate da quei segni poco piacevoli da vedere, come calli e altri.

Il sistema di fissaggio, accompagnato da una rotazione di 1080 gradi, consente di poter sfruttare questo volante in maniera abbastanza semplice anche se, col passare del tempo, non è impossibile vedere qualche piccolo segno che deriva appunto dall’utilizzo continuativo.

Pulsantiera di Thrustmaster T150

La pulsantiera è realizzata in maniera ottimale, con tasti resistenti e sensibili ai diversi tipi di pressione che viene esercitata sugli stessi. 
In particolar modo occorre sottolineare la presenza dei tasti per la condivisione social e gli altri tipici della PS4, che permettono dunque di immortalare le proprie sessioni di gioco e allo stesso tempo di poterle condividere sui diversi portali social.

La pulsantiera è ottima anche se sfruttata su PC.

Pedaliera

La pedaliera di questo modello di volante riesce a contraddistinguersi per la qualità dei materiali e soprattutto per la resistenza.
Schiacciare leggermente il pedale oppure premerlo con maggior forza, per dare un’accelerata improvvisa, ha un ottimo impatto sul gioco, dando quindi l’impressione di essere realmente a bordo di un veicolo e di sentire quella sensazione di velocità e adrenalina mescolate assieme in maniera attenta e piacevole.

Di conseguenza sfruttare questo modello di pedaliera rappresenta una buona scelta se si vuole avere la sicurezza del fatto che un gioco di guida possa essere sfruttato al massimo e dia quella sensazione di divertimento e realismo che si ricerca, soprattutto su titoli come Gran Turismo e altri che hanno uno stile meno arcade rispetto ad altri.

Il cambio di Thrustmaster T150

La leva del cambio è invece il tallone d’Achille di questo modello.
Gli scatti, seppur semplici e allo stesso tempo rapidi, nel lungo periodo tendono a essere meno precisi e la leva del cambio, se utilizzata con poca attenzione, potrebbe subire dei danni che hanno delle ripercussioni sullo stesso gioco.

Occorre quindi cercare di prendere in considerazione il fatto che questo modello di cambio deve essere sfruttato con cura, in quanto in caso contrario si rischia di danneggiare lo stesso, cosa che non accade invece con altri modelli dove anche un movimento drastico e impresso con maggior forza non ha un impatto negativo sullo stesso modello di cambio.

Pertanto questa è l’unica parte che si dimostra più fragile rispetto alle altre e alla quale prestare un’attenzione maggiore, se si vogliono evitare complicazioni di ogni tipo durante le partite.

Il resoconto su PS4

Partiamo ora con l’analizzare il resoconto riscontrato col Thrustmaster T150: a primo impatto è possibile notare come lo stesso sia in grado di offrire un ritorno di forza abbastanza buono, specialmente per quanto riguarda i giochi di guida che puntano maggiormente su uno stile arcade che su uno simulativo.

In particolar modo abbiamo provato il volante su Dirt 3 e possiamo ammettere che i comandi hanno risposto in maniera ben precisa ai diversi input che gli venivano inviati.

La sterzata, soprattutto quella brusca, ha fatto in modo che il veicolo si girasse in modo repentino mentre freno e acceleratore hanno risposto con qualche leggero decimo di secondo di ritardo, che però non ha di certo rovinato l’esperienza di gioco.

Anche il cambio ha risposto in maniera adeguata ai nostri comandi, permettendoci di avere sotto controllo completo il veicolo che abbiamo scelto.

Pertanto su PS4 il Thrustmaster T150 si è comportato in maniera abbastanza ottimale, senza alcun tipo di ritardo.

Resoconto di Thrustmaster T150 su PC

Su PC abbiamo riscontrato invece qualche difficoltà nella calibratura della pedaliera.
I comandi avevano un leggero ritardo soprattutto su Need For Speed e Project Cars, rendendo l’esperienza di gioco meno piacevole.
Fortunatamente, però, è stato possibile fare affidamento su una calibratura delle impostazioni di gioco, con sensibilità settata a un livello medio alto che ci ha permesso di prevenire ulteriori complicazioni durante l’utilizzo della pedaliera.

Il volante si è dimostrato invece abbastanza solido, ovvero anche su PC i ritardi dei comandi sono stati praticamente assenti, situazione ulteriormente migliorate grazie alla scelta di svariate impostazioni che hanno reso maggiormente reattivo il gioco.

Ottima prova invece su Assetto Corsa, che non ha avuto bisogno di un settaggio particolare per poter essere sfruttato. 

Pertanto il volante è promosso anche su PC, seppur non a pieni voti come accade invece su PS4.

Il resoconto su PS3

Se invece analizziamo il risultato finale ottenuto su PS3, possiamo dire che Thrustmaster T150 è un articolo indispensabile se si vuole provare l’ebbrezza di guidare un veicolo virtuale.
Il volante e la pedaliera si sono comportati in maniera impeccabile, meglio anche di quanto ottenuto sulla console PS4.
Usare Gran Turismo 6 è stato abbastanza piacevole, soprattutto in quanto è stato possibile quella sensazione di grande velocità sprigionata dai veicoli.

Buona anche la sensibilità del volante, che non ha fatto in modo che il veicolo facesse testacoda al minimo tocco dello stesso, rendendo quindi la guida piacevole anche sui percorsi maggiormente complessi e ricchi di doppie curve.

Pertanto è facile sottolineare come questo volante sia adatto maggiormente per PS3 ma anche per la console di attuale generazione ha dimostrato tutto il suo valore senza alcuna grossa differenza, mentre su PC occorre lavorare parecchio per trovare la giusta combinazione tra calibratura e input di gioco.

Opinioni finali 

Prendendo in considerazione tutti questi particolari dettagli è possibile notare come questo volante sia un buon acquisto soprattutto qualora questo articolo fosse il primo.

Questo per il semplice fatto che il T150 ha un prezzo di 180 euro nuovo e offre delle buone prestazioni solo su console, mentre su PC incespica leggermente.

Usato è possibile trovare il T150 anche a un prezzo inferiore alla metà, su portali come Subito oppure Ebay.

Il T150 riesce quindi a difendersi abbastanza bene anche dal confronto con altri volanti e pedaliere appartenenti alla stessa fascia di prezzo, seppur alcuni di questi offrano un tipo di esperienza migliore.

Buon acquisto iniziale dunque, che potrà poi essere rimpiazzato con un modello di volante maggiormente professionale e preciso, offrendo un tipo di gioco migliore sotto ogni punto di vista.

 

Leave a Reply