Quale activity tracker comprare

Gli activity tracker, conosciuti anche come fitness tracker, sono dei dispositivi elettronici che consentono di monitorare l’attività fisica che fate. In questa guida cercheremo di rispondere a una semplice domanda: come scegliere un activity tracker?

Innanzitutto esistono diverse tipologie per questo dispositivo. La più conosciuta è sicuramente quella a braccialetto. È un modello molto pratico, in quanto si indossa come un vero e proprio bracciale e permette di controllare con estrema facilità i dati registrati.

Ovviamente se dovete scalare una montagna potrebbe essere più comodo un modello che si aggancia alla cintura, o ancora un altro modello che si tiene tranquillamente in tasca. Insomma, tutto dipende principalmente dall’uso che dovete farne. Per quanto riguarda i materiali, la maggior parte degli activity tracker sono in plastica con cinturino in gomma.

Alcuni mettono a disposizione due cinturini di colore diverso, ad esempio il Runtastic Orbit (nero e blu) mentre alcuni mettono a disposizione cinturini di dimensioni diverse, come ad esempio il Fitbit Blaze (taglia small e large). Interessanti sono anche le fasce HR: si tratta di fasce cardio che vanno indossate durante l’allenamento intorno al torace e che inviano tramite wireless la frequenza cardiaca al vostro smartphone.

Per sapere quale activity tracker comprare, dovete assolutamente assicurarvi che sia compatibile con il vostro cellulare. Infatti, alcuni dispositivi potrebbero essere compatibili con il sistema operativo Android ma non con IOS oppure anche viceversa. Per non avere brutte sorprese una volta acquistato il braccialetto fitness, controllate bene nella scheda tecnica.

Ma dunque a che cosa serve un activity tracker? Quali sono le sue funzioni? Innanzitutto, grazie al GPS, permette di rilevare i passi effettuati e le distanze percorse, ed è quindi fondamentale per chi ama la corsa: solo così si potrà sapere quanti chilometri sono stati sudati.

Una seconda caratteristica è sicuramente il cardiofrequenzimetro, ovvero un meccanismo che permette di misurare la frequenza cardiaca, in modo tale da praticare sport tenendo sotto controllo il vostro cuore. Inoltre, i fitness tracker consentono anche il monitoraggio del sonno: permettono di tenere sotto controllo la qualità e la quantità del sonno.

Si sa, dormire è fondamentale per la nostra salute e l’activity tracker ci consente di tenere sotto controllo questo aspetto: grazie a dei sensori integrati nel dispositivo, il braccialetto registra il sonno e ne valuta la qualità (sonno pesante e sonno leggero ad esempio).

Ovviamente per sapere quale activity tracker scegliere dovete considerare le vostre esigenze. Vediamo qui di seguito quali sono i modelli più utili a seconda dello sport praticato.

Innanzitutto per un utilizzatore base che non pratica attività fisica ma vuole tenere sotto controllo i suoi parametri giornalieri sarà sufficiente un fitness tracker di fascia bassa che registri semplicemente le distanze percorse e le calorie bruciate, ad esempio: il Xiaomi Mi Band 2 e il Lenovo HW01.

Se invece siete dei podisti, allora è meglio puntare su un activity trainer che abbia tutte le funzioni di base (cardiofrequenzimetro, monitoraggio distanza e passi percorsi) ma che in più dia consigli sul tipo di corsa. Ad esempio il Fenix 5: è resistente a polvere, acqua, urti e umidità.

Oppure il Garmin Forerunner 630: il dispositivo registra i tempi d’allenamento e consente di effettuare un test per misurare la quantità di acido lattico presente nelle vostre gambe. Davvero sorprendente. Se siete dei nuotatori allora potreste optare per il Moov Now o il Fitbit Flex 2.

Il primo è water-proof fino a 30 metri, mentre il secondo fino a 40 metri. Se invece la vostra passione è il ciclismo allora il Suunto spartan Sport o il Garmin vivo Active Hr sono ottime scelte: entrambi vi permetteranno di sapere la velocità del giro. Infine se praticate crossfit puntate al Moov Now (con l’opzione 7 Minute+ workout) o al Microsoft Band 2.

Il costo di un activity tracker varia molto a seconda del modello, delle sue funzioni, della qualità dei materiali e ovviamente del marchio. Si parte da un minimo di 25 € e il prezzo può salire fino ad addirittura 1000 €.

Ad esempio, uno dei braccialetti fitness più economici sul mercato è il Xiaomi Mi Band 2, al prezzo incredibile di appena 24 €.

Ovviamente, per scegliere un activity tracker è opportuno considerare quali sono le vostre esigenze e poi cercare un prodotto che abbia un buon rapporto qualità prezzo: se volete solo un dispositivo che conti i passi o la distanza percorsa allora andate pure su un articolo di fascia bassa, ma se avete bisogno di un fitness tracker più completo allora puntate a modelli di fascia medio-alta.

 

Leave a Reply